Scuola dell’Infanzia

La scuola dell’infanzia parrocchiale paritaria “Maria Immacolata” è situata in Via San Giuseppe, 2, a Pionca di Vigonza. Il nostro numero di telefono è 049646023.
La segreteria è aperta il lunedì, mercoledì e venerdì mattina dalle 8.30 alle 12.30.
La Coordinatrice ed il Presidente ricevono su appuntamento.

Le finalità della Scuola dell’Infanzia e del Comitato di Gestione sono condensate nell’articolo 3 dello statuto che suona così: “Scopo del Comitato è la gestione di una Scuola dell’ Infanzia per educare e assistere, secondo la concezione cristiana della vita, nella forma della tradizione cattolica, i bambini che saranno iscritti alla scuola stessa, favorendone la loro crescita fisica, intellettuale, sociale, morale e religiosa in stretta collaborazione con la famiglia che, fermo restando il suo diritto primario all’educazione dei figli, condivide le finalità educative della scuola”.

La Scuola dell’Infanzia è, in altre parole:

  • vera e propria istituzione educativa;
  • luogo di vita e ambiente scolastico;
  • possibilità di incontro per le famiglie.

E si pone questi obiettivi:

  • La promozione dello sviluppo armonico e integrale della persona;
  • Il benessere dell’alunno;
  • Lo sviluppo umano, educativo e culturale del bambino.

Il tutto attraverso l’acquisizione di competenze ampie e trasversali, per la realizzazione di una attiva partecipazione alla vita sociale che orienta l’alunno verso le scelte fondamentali che condurrà nel suo futuro.

L’azione educativa ha le seguenti finalità:
Favorire la maturazione dell’identità personale sviluppando inoltre l’acquisizione della fiducia in sé stessi,
Predisporre delle ottime condizioni per l’acquisizione degli strumenti culturali e delle differenti discipline previste nelle Indicazioni Nazionali.
Finalizzare delle strategie d’inclusione specifiche per ogni singolo bambino in base alle esigenze,
Prevedere interventi ed azioni formative personalizzate che rispettino gli stili cognitivi di ciascuno,
Un’attenta formazione alla persona promuovendo la sua integralità, il rispetto al confronto con gli altri, sviluppando inoltre un senso di partecipazione solidale e senso di cittadinanza.

PREGHIERA CRISTIANA
La preghiera cristiana è parte integrante della proposta scolastica.
La scuola crea momenti di raccordo con la comunità cristiana di appartenenza.

ORGANIZZAZIONE, RISORSE E GESTIONE DELLA SCUOLA
Nella nostra scuola ogni ambiente è pensato e organizzato per favorire l’autonomia del bambino. Sono presenti un atrio, un salone, quattro aule, la sala da pranzo, la cucina, una dispensa, la stanza della nanna per i più piccoli, gli spogliatoi per le insegnanti, gli spogliatoi per il personale non docente, i servizi igienici per bambini e per adulti,  due magazzini per il materiale didattico, un archivio, ampio giardino in allestimento.

La sezione primavera
Molta importanza nella sezione primavera è data dall’organizzazione dell’ambiente, in modo da offrire ai bambini la possibilità di raggiungere uno sviluppo armonico di tutta la sfera cognitiva, sensoriale e motoria. Per questo lo spazio deve essere:

• ORDINATO per aumentare la concentrazione e l’interesse dell’intero gruppo,
• PREDISPOSTO per rafforzare l’autostima e favorire rapporti di reciproco aiuto, contribuendo alla coscienza del  rispetto di ambiente e cose altrui,
• ORGANIZZATO per maturare l’identità, la capacità di iniziativa e sollecitare le relazioni interpersonali.

Vista l’essenzialità degli spazi, nella sezione primavera l’ambiente è stato suddiviso nei seguenti angoli:

• Angolo morbido: uno spazio tranquillo, raccolto per favorire il rilassamento, le coccole e la “lettura”, uno spazio importante per trasmettere al bambino sicurezza e fiducia. Il piccolo ha la possibilità di scegliere se stare da solo o con gli altri, di partecipare alle attività proposte o di svolgere giochi a lui più congeniali in quel momento, attraverso materiali come libri, riviste, peluche, tappeti, materassi, cuscini…Attraverso questi materiali si cercherà di sostenere la narrazione e conseguentemente la formazione e lo sviluppo del linguaggio (parola-frase)
• Angolo delle costruzioni o macchinine: uno spazio nel quale i piccoli possono esplorare e riconoscere forme, colori e dimensioni differenti. E’ un luogo nel quale i bimbi possono attraverso determinati materiali (lego, mattoncini, legnetti, macchinine, camioncini, piste..ecc..)   costruire, mettere in fila e creare oggetti.
• Angolo della cucina: in questo spazio attraverso il gioco simbolico, si favorisce la rivisitazione degli aspetti della vita quotidiana, utilizzando materiali come ad esempio pentolini, cibi finti, pasta ecc..
• Angolo della manipolazione e dei travasi: è uno spazio nel quale i bambini toccano, manipolano, schiacciano, spezzano, spalmano, osservano e sperimentano i contrasti di vuoto e pieno, favorisce la motricità della mano, la pressione e la percezione tattile e sensoriale attraverso differenti materiali (farina, acqua, pasta, sale, cacao, imbuti, vasi, stampini, mattarelli..)
• Angolo della pittura: in questo spazio si favorisce la coordinazione oculo-manuale, il bambino attraverso i segni, lascia una traccia nel foglio acquisendo e affinando la percezione di sé.
• Angolo dei travestimenti o marionette: è uno spazio di fondamentale importanza per favorire il gioco di ruolo e di finzione stimolando la creatività e la fantasia.
• Angolo dell’ “appello”: nel quale man mano verranno ripetuti giornalmente i nomi dei bambini per favorire la conoscenza tra di loro ed inoltre verranno inseriti nuovi supporti (calendario atmosferico, stagionale, settimanale, mensile) tutto ciò per aiutare i piccoli a prendere confidenza con il tempo che scorre.

La stanza della nanna
E’ un ambiente nel quale ogni bambino riposa dopo il pranzo. Sono presenti dei comodi e confortevoli lettini, con oggetti transazionali  (ciuccio, peluche, copertina..), il bambino nel riposo viene coccolato e rassicurato. Viene creata un’ottima atmosfera, con luci soffuse, e una scelta di musiche rilassanti.

• Il bagno è semplice, ma funzionale. Lo spazio è adeguato, con wc e lavandini. Vi è un fasciatoio con accanto una scaletta e differenti mobili contenenti i pannolini e i vari cambi.

La stanza della pappa
Utilizzata per il pranzo, adibita con tavoli e sedie. Durante il pranzo, i bambini sono seduti ognuno al suo tavolo con i compagni e l’educatrice di riferimento. Tutte le pietanze vengono cucinate, dalla cuoca, all’interno della struttura seguendo le indicazioni dell’ ASL sia per le grammature che per la cottura.

Le sezioni dell’infanzia
Le sezioni, punto di riferimento primario dei bambini, sono strutturate in angoli con una precisa valenza affettiva ed educativa.

L’angolo dei travestimenti
Qui il bambino, “giocando” alla mamma, al papà, al negozio ecc., sperimenta il gioco simbolico e proiettivo. Il bambino esprime, interpreta ruoli precisi attraverso il linguaggio verbale e corporeo, comunica sentimenti ed emozioni in relazione all’esperienza familiare.
Nel gioco dei “far finta” i bambini imparano ad organizzarsi ed a interagire tra di loro, definendo i ruoli di ciascuno e gestendo il materiale a disposizione.

L’angolo del tappeto
E’ l’occasione per il bambino di incontrarsi con tutti i compagni e con l’adulto per condividere quei momenti in cui “ci si racconta” e in cui si ascolta ciò che l’altro ha da dire.

L’angolo delle costruzioni
In questo spazio il bambino ha a sua disposizione materiale diverso: lego, mattoncini di legno, legnetti, macchinine, piste, animali, personaggi, ambienti ecc. Il bambino progetta quello che vuote fare, pensa, riflette, risolve intoppi tecnici, si accorge che per costruire un ponte deve
usare due pezzi di legno della stessa altezza, c’è un continuo porre e porsi dei problemi e risolverli: “se… allora…” è la radice di ogni ragionamento. Tutto questo è apprendimento a pieno titolo e pone le basi per ogni apprendimento futuro. Il gioco delle costruzioni favorisce l’operare in gruppo per obiettivi comuni (es. costruiamo insieme).

L’angolo grafico-pittorico e della manipolazione
I bambini sono educati nell’uso adeguato dei materiale messo a loro disposizione (pennarelli, pastelli a cera e di legno, colla, forbici, tempere, pennelli, carta di vario tipo e dimensione), in questo spazio il bambino ha la possibilità di esprimersi attraverso il materiale scelto. I bambini hanno anche l’occasione di rapportarsi con materiali che hanno la caratteristica di essere toccati, plasmati o travasati, (didò, pongo, creta, farina gialla, materiale naturale).

L’angolo del gioco strutturato
Il materiale messo a disposizione è vario e graduato secondo l’età. L’uso dei giochi strutturati (tombole, domino, puzzle, sequenze logiche, materiale di seriazione, classificazione, corrispondenza, giochi con regole, blocchi logici ecc..) permette al bambino di fissare, sistematizzare le esperienze, i vissuti ed i processi logici avviati nel rapporto con il reale.

L’angolo della lettura
Un angolo della sezione è predisposto con libri illustrati adeguati all’età dei bambini. E’ la possibilità per loro di sfogliare e guardare, da soli o con gli amici, i libri messi a disposizione e per l’educatrice è lo spazio in cui racconta. Riteniamo importante l’esperienza del “raccontare” come possibilità data al bambino di spalancare lo sguardo sulla realtà.

INDICAZIONI PER L’AUTONOMIA DEL BAMBINO
Aiutate vostro figlio a diventare autonomo e a svolgere da solo azioni di routine quotidiana:

  1. Comprate scarpe senza lacci (meglio se hanno gli strappi) in modo che il bambino sia in grado di indossarle da solo;
  2. Vestite i bambini con indumenti comodi (preferibilmente tute da ginnastica);
  3. Evitate cinture, body, bottoni o altri vestiti che impediscano al bambino il movimento o la possibilità di fare da solo;
  4. La bavaglia è gradita con l’elastico.

Pin It on Pinterest